Bene l'Europa nel contesto globale, positive le aspettative nel 2017

Diffuso il report economico annuale del Cece sulla situazione macroeconomica e i trend in atto, l’andamento dei principali mercati e dei segmenti dell’industria europea delle macchine per costruzioni

L'andamento nel 2016

Come nel 2015, il mercato europeo ha avuto un andamento positivo che gli ha fatto guadagnare il terzo posto per volumi di crescita, dietro soltanto a Cina e India.
“L'incremento a due cifre nella vendita di macchine per costruzioni nel 2016 è stata sicuramente una notizia positiva per il nostro settore in Europa, ma ci sono ancora grandi differenze tra i paesi del nostro continente”, ha spiegato Sebastian Popp, esperto economico del Cece. “In termini di volumi, infatti, la crescita si è registrata perlopiù in Francia, Germania e Italia. Il mercato tedesco in particolare, e l'Europa settentrionale e occidentale in generale, sono vicini ai propri record storici”, ha detto Popp. “La ripresa di Europa meridionale, centrale e orientale, invece, non è ancora all'altezza delle aspettative”. La ripresa del mercato russo, invece, dopo anni di estrema crisi, è una nota positiva”.

Le vendite di macchine movimento terra in Europa hanno registrato una crescita del 12% nel 2016. Le macchine per l'edilizia (gru a torre e macchine per calcestruzzo) sono arrivate a +21%.
“È molto incoraggiante vedere che tutti i settori stanno beneficiando di questa ripresa generale”, ha commentato Popp. “Determinante per questo risultato è il mercato dell'edilizia che ha registrato un andamento positivo sia nel segmento residenziale che in quello non residenziale e del genio civile”.

 

Le previsioni per il 2017

Il «Business Barometer» del Cece rileva il clima di fiducia delle aziende sul mercato delle macchine per costruzioni. Dopo un temporaneo raffreddamento registrato a seguito del voto sulla Brexit, le aspettative sono tornate positive.
I costruttori prevedono una crescita del mercato statunitense dovuta agli investimenti in infrastrutture lanciati dal nuovo governo, India e Cina dovrebbero proseguire con il trend positivo iniziato lo scorso anno e anche dai mercati mediorientali si attende una ripresa. Bene anche l’Europa, soprattutto per Paesi scandinavi, Francia e Germania; unica eccezione il mercato turco.
In controtendenza, il 63% dei produttori di componentistica che si aspetta, invece, un volume d’affari inferiore nei prossimi mesi.

Per il 2017 lo scenario più realistico è quello di un mantenimento dei volumi, con una leggera tendenza al rialzo. I costruttori europei dovrebbero poter beneficiare della ripresa del mercato globale, dopo tre anni consecutivi di contrazione.


CECE - Committee for European Construction EquipmentCECE - REPORT ECONOMICO (anno 2017)
scarica la versione integrale in lingua inglese


 

Fonte: Unacea - Unione Nazionale Aziende Construction Equipment & Attachments
Nata nel 2010, Unacea è l’associazione di categoria aperta al contributo di tutte le aziende italiane di macchine per costruzioni. Attualmente ha un tasso di rappresentatività in termini di fatturato di oltre il 75% del valore dell’intera industria nazionale di macchine e attrezzature per il movimento terra e per il calcestruzzo.
Unacea è socio del Cece, il Comitato europeo dei produttori di macchine per costruzioni che raggruppa le associazioni nazionali di 14 paesi in rappresentanza di circa 1.200 aziende, per un fatturato di circa 23 miliardi di euro e 130 mila persone impiegate direttamente.

 

Fonte: CECE - Committee for European Construction Equipment
CECE, Comitato europeo delle macchine per costruzioni, rappresenta gli interessi di 1.200 produttori di macchinari da costruzioni attraverso associazioni di categoria in 13 Paesi europei: Germania, Regno Unito, Francia, Italia, Spagna, Repubblica Ceca, Svezia, Finlandia, Olanda, Belgio, Austria, Russia e Turchia. Le aziende produttrici associate a CECE generano 40 miliardi di fatturato all’anno, impiegando 300.000 persone in totale, investendo e rinnovandosi continuamente per fornire la massima produttività con il minimo impatto ambientale. Efficienza, sicurezza e tecnologie ad alta precisione sono la chiavi di volta di questo risultato.