Diesel of the Year 2020

Vince il motore da 2,8 litri F28 di FPT Industrial

FTP Industrial vince il Diesel of the Year 2020

Premiazione a SaMoTer in Area Forum (Padiglione 6)

FPT Industrial torna ad essere premiata a Verona. A SaMoTer 2008 l’F32 aveva inaugurato la stagione dei compatti. Quella fu la prima volta che FPT si aggiudicò il premio, seguita dal Cursor 16 nel 2014. Una testimonianza della vivacità del costruttore in orbita CNH Industrial, che si è progressivamente affermato come fornitore di soluzioni sempre più orientate agli OEM.

 

L’F28 prosegue nella strada della segmentazione dei compatti che annoverano il 3,4 e il 3,6 litri. Concepito secondo le norme Stage V e Tier 4 Final, sdoppia la formula di post-trattamento: il DOC è abbinato al DPF per il mercato europeo, mentre per rispettare le prescrizioni dell’EPA è sufficiente un sistema ‘DOC only’. Con una coppia massima di 375 Newtonmetro aggancia il picco massimo dei concorrenti, ed è capace di una coppia specifica pari a 133,5 Nm. Tra le caratteristiche salienti, EGR integrati e la soluzione a ponte ribassato, per favorire la compattezza e, di conseguenza, l’installazione su veicoli che, soprattutto tra i campi e, talvolta, in cantiere, devono fare i conti con uno stretto raggio di sterzata. Inoltre, la sua facilità di manutenzione, con la possibilità di intervenire da un solo lato del motore e con un intervallo di sostituzione olio di 600 ore, permette di ridurre i costi di esercizio. L’elemento che conferisce maggior pregio al 4 cilindri, che testimonia l’orientamento alla sostenibilità, è rappresentato dall’essenza eclettica dell’F28. Il monoblocco diesel è stato svelato insieme al gemello a gas naturale, nell’ottica della modularità.

FPT Industrial fa sapere che: “Le interfacce sono le stesse e la versione a gas è in rampa di lancio su alcuni demo agricoli, manca solamente l’implementazione su macchina di alcune funzioni, come le bombole”.

 

Dal 2006 il Diesel of the Year riconosce il primato di un motore industriale. I principali criteri di valutazione sono innovazione, ma anche compattezza, potenza specifica, coppia specifica e posttrattamento.

 

Fonte: Rivista Diesel